Guida galattica per marketer Freelance: da zero a indipendente

Non vedo l’ora che finisca questa emergenza pandemica per interrompere i danni che sta causando ma anche per poter riprendere il mio lavoro di marketer freelance in giro per il mondo.

La prossima metà sarà di lavorare dal sud delle Spagna.

Voglio farmi là un bel paio di mesi tanto per il lavoro mi basta una connessione wifi al quale collegare il mio fidato Asus Vivobook.

No non ho un Mac anche se mi dovrò decidere a comperarlo perché tutte le volte che ho uno studente con il quel sistema ho delle piccole difficoltà a lavorarci.

Come ho iniziato il lavoro di marketer freelance?

Te lo racconto per darti coraggio e per farti capire che se questo è il tuo sogno è molto più vicino e realizzabile di quel che pensi.

Ho 56 anni compiuti il primo di gennaio ed ho iniziato ad interessarmi di marketing on e offline per le aziende che dirigevo da socio insieme a mio fratello.

A proposito qui ti lascio il link al suo sito (e sistema di marketing acquisizione clienti) che gli ho creato io.

Quindi il computer lo sapevo solo accendere e usavo Word di Windows e stop.

Ti giuro niente altro fino ma che notai che la vendita si stava complicando e facendo sempre più difficile.

In particolare era sempre più difficoltosa incontrare le presone cui tentare di vendere.

Incontrare il cliente era sempre più difficile

La sera e nei ritagli di tempo cominciai ad interessarmi al marketing ed all’acquisizione di lead.

L’online era un territorio inesplorato e tutto mi sembrava complicato.

Pulsanti, siti di diverso tipo e landing page e funnels.

E non capivo per davvero da dove cominciare. Ero abbagliato dagli strumenti e non dalle strategie di crescita.

Ricordo come fosse ieri il primo acquisto di un corso WordPress del quale per davvero non capii nulla.

Ma proprio nulla.

La bacheca di WordPress era un luogo oscuro e nel quale non sapevo come muovermi senza fare danni.

E ti garantisco che i danni si fanno in tantissimi modi.

Sbagliando e studiando si impara

Decisi che volevo imparare e ricordo quante notti a studiare ed a mettere in pratica.

Tanti momenti davvero difficili in cui pensai anche di lasciar perdere e di tornare ad un lavoro diciamo così “normale”.

Poco a poco però le conoscenze ti si sedimentano dentro.

Quello che all’inizio fai consciamente e faticosamente poco a poco va in automatico guidato dal nostro potentissimo subconscio.

Esattamente come per ogni cosa e per farti capire come quando hai imparato ad andare in auto.

Nella mia mente poco a poco ha cominciato a comporsi il quadro

Quindi tornassi indietro ed al tuo posto che parti da zero o quasi cosa farei?

Punto primo imparerei WordPress.org in uno dei seguenti modi:

Il primo passo verso la professione di marketer freelance imparare a fare e gestire siti in WordPress

Poco a poco acquisisci anche un tuo metodo e puoi fare via via siti sempre più complessi.

  • sito vetrina
  • blog
  • siti acchiappa clienti
  • e commerce
  • siti con area riservata e vendita in abbonamento
  • siti per vendita di corsi

A questo punto lavorare con i social diventa un gioco molto più semplice.

La tua confidenza con il computer e con il web è decisamente aumentata e puoi davvero lavorare con:

  • Facebook ed Instagram e le loro Ads
  • Linkedin
  • YouTube
  • altri social

Quindi? Il primo passo è il sito?

Si a mio parere è sempre e comunque il sito.

Il sito è infatti sempre e comunque il cuore di un sistema di marketing ben fatto.

Nasce tutto dal sito e questo ti permetterà di trovare e monetizzare clienti.

A questo punto sarai bravo da fare altre scelte come quella di lavorare esclusivamente in una nicchia specifica.

Ma qual’0 è la buona notizia?

Quella che il lavoro lo potrai fare da dove vuoi con il tuo PC ed una connessione wifi.

Vuoi contattarmi per parlare con me e capire se ti posso aiutare?

Lascia un commento